Liceo Statale Corradini Thiene Liceo Statale Corradini

Via Milano, 1 - 36016 Thiene (VI) - Tel. 0445364301 - Mail: vipc02000p@istruzione.it
Segnalazione illeciti da parte dei dipendenti

 ADOZIONE DI MISURE PER LA TUTELA DEL WHISTLEBLOWER

La L. 190/2012 ha aggiunto al D.Lgs. 165/2001 l’articolo 54-bis, il quale è stato successivamente sostituito dall’art. 1 della Legge 30.11.2017 n. 179. Ad oggi l’art. 54-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è sostituito dal seguente: “Il pubblico dipendente che, nell'interesse dell'integrità della pubblica amministrazione, segnala al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza di cui all'articolo 1, comma 7, della legge 6 novembre 2012, n. 190, ovvero all'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC), o denuncia all'autorità giudiziaria ordinaria o a quella contabile, condotte illecite di cui è venuto a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro non può essere sanzionato”.

L’articolo 54-bis delinea una “protezione generale ed astratta” che deve essere completata con concrete  misure di tutela del dipendente. Tutela che, in ogni caso, deve essere assicurata da tutti i soggetti che ricevono la segnalazione.

L’ANAC il 28 aprile 2015 ha approvato le “Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower)” (determinazione n. 6 del 28 aprile 2015, pubblicata il 6/05/2015).

La tutela del whistleblower è un dovere di tutte le PA le quali, a tal fine, devono assumere “concrete misure di tutela del dipendente” da specificare nel Piano triennale di prevenzione della corruzione e Trasparenza.

Il PNA prevede, tra azioni e misure generali per la prevenzione della corruzione e, in particolare, fra quelle obbligatorie, che le PA debbano tutelare il dipendente che segnala condotte illecite.

Il PNA impone alle PA, di cui all’art. 1 co. 2 del d.lgs. 165/2001, l’assunzione dei “necessari accorgimenti  tecnici per dare attuazione alla tutela del dipendente che effettua le segnalazioni”.

Le misure di tutela del whistleblower devono essere implementate, “con tempestività”, attraverso il PTPCT.

L’articolo 54-bis del d.lgs. 165/2001, inoltre, è stato integrato dal DL 90/2014 (convertito dalla legge  114/2014):

 l’art. 31 del DL 90/2014 ha individuato anche l’ANAC quale soggetto destinatario delle segnalazioni;

 l’art. 19 c. 5 del DL 90/2014 ha stabilito che l’ANAC riceva “notizie e segnalazioni di illeciti, anche nelle forme di cui all’art. 54-bis del d.lgs. 165/2001”.

L’ANAC, pertanto, è chiamata a gestire sia le eventuali segnalazioni dei propri dipendenti per fatti avvenuti all’interno della propria organizzazione, sia le segnalazioni che i dipendenti di altre amministrazioni intendono indirizzarle.

Conseguentemente, l’ANAC, con la determinazione n. 6 del 28 aprile 2015, ha disciplinato le procedure  attraverso le quali riceve e gestisce le segnalazioni.

Il paragrafo 4 della determinazione rappresenta un indiscutibile riferimento per le PA che intendano  applicare con estremo rigore le misure di tutela del whistleblower secondo gli indirizzi espressi dall’Autorità.

I soggetti tutelati sono, specificamente, i “dipendenti pubblici” che, in ragione del proprio rapporto di  lavoro, siano venuti a conoscenza di condotte illecite.

L’art. 54-bis del D.Lgs. 165/2001 impone la tutela del dipendente che segnali “condotte illecite di cui sia  venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro”.

Le segnalazioni meritevoli di tutela riguardano condotte illecite riferibili a:

 tutti i delitti contro la pubblica amministrazione di cui al Titolo II, Capo I, del Codice penale;

 le situazioni in cui, nel corso dell’attività amministrativa, si riscontri l’abuso da parte di un soggetto del potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati, nonché i fatti in cui venga in evidenza un mal funzionamento dell’amministrazione a causa dell’uso a fini privati delle funzioni attribuite, ivi compreso l’inquinamento dell’azione amministrativa ab externo e ciò a prescindere dalla rilevanza penale. 

A titolo meramente esemplificativo: casi di sprechi, nepotismo, demansionamenti, ripetuto mancato  rispetto dei tempi procedimentali, assunzioni non trasparenti, irregolarità contabili, false dichiarazioni,  violazione delle norme ambientali e di sicurezza sul lavoro, assenteismo del personale dirigente.

Le condotte illecite devono riguardare situazioni di cui il soggetto sia venuto direttamente a conoscenza “in ragione del rapporto di lavoro”.

Considerato lo spirito della norma, che consiste nell’incentivare la collaborazione di chi lavora nelle  amministrazioni per l’emersione dei fenomeni illeciti, ad avviso dell’ANAC non è necessario che il  dipendente sia certo dell’effettivo avvenimento dei fatti denunciati e dell’autore degli stessi. E’ sufficiente che il dipendente, in base alle proprie conoscenze, ritenga “altamente probabile che si sia verificato un fatto illecito” nel senso sopra indicato.

Il dipendente whistleblower è tutelato da “misure discriminatorie, dirette o indirette, aventi effetti sulle  condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia” e tenuto esente da  conseguenze disciplinari.

La norma intende proteggere il dipendente che, per via della propria segnalazione, rischi di vedere  compromesse le proprie condizioni di lavoro.

L’art. 54-bis del d.lgs. 165/2001 fissa un limite alla predetta tutela nei “casi di responsabilità a titolo d  calunnia o diffamazione o per lo stesso titolo ai sensi dell’art. 2043 del codice civile”.

La tutela del whistleblower trova applicazione quando il comportamento del dipendente segnalante non  perfezioni le ipotesi di reato di calunnia o diffamazione.

Il dipendente deve essere “in buona fede”. Conseguentemente la tutela viene meno quando la segnalazione riguardi informazioni false, rese colposamente o dolosamente.

L’art. 54-bis riporta un generico riferimento alle responsabilità penali per calunnia o diffamazione o a quella civile extracontrattuale, il che presuppone che tali responsabilità vengano accertate in sede giudiziale. L’ANAC, consapevole dell’evidente lacuna normativa in ordine alla durata della tutela, ritiene che “solo in presenza di una sentenza di primo grado sfavorevole al segnalante cessino le condizioni di tutela” riservate allo stesso.

Misura obbligatoria per le istituzioni scolastiche ed educative del Veneto

Ciascun Dirigente scolastico garantisce la conoscenza da parte del rispettivo personale degli strumenti per  le segnalazioni e consente il rispetto delle condizioni di tutela previste dalla legge. Il canale definito nel  PTPCT individua il RPCT quale destinatario delle segnalazioni e indica le modalità con cui tali segnalazioni  possono essere presentate dai dipendenti.

Il Dipendente che intende segnalare condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del proprio  lavoro, può segnalare l’illecito alle diverse autorità giudiziarie o all’’ANAC e/o inoltrare la segnalazione al  RPCT, utilizzando la casella di posta elettronica prevenzionecorruzione@istruzioneveneto.it.

 Link ANAC: https://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/Servizi/ServiziOnline/SegnalazioneWhistleblowing


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.